Brad Mehldau

Brad Mehldau

Teatro Manzoni - ore 20:30

lunedì 02 dicembre 2019

I CONCERTI DI MUSICA INSIEME
STAGIONE 2019 / 2020
Abbonamenti e Biglietti


Programma:

Modern Classic

Definito dal New York Times il pianista jazz più influente degli ultimi vent’anni, Brad Mehldau debutta a Musica Insieme portando a Bologna la sua rivoluzionaria visione artistica, in cui jazz e classica dialogano senza soluzione di continuità. Onnivoro musicale e prolifico compositore, il musicista statunitense, nato nel 1970 a Jacksonville (Florida) e formatosi nella cosmopolita scena newyorchese, ha lavorato sin dal suo esordio negli anni Novanta in una moltitudine di ambienti differenti: dal jazz sperimentale passando per le colonne sonore, le contaminazioni con l’elettronica e le collaborazioni con virtuosi di ogni campo, fino agli intensi recital solistici. Con una formazione classica alle spalle, il virtuoso Mehldau può fregiarsi di aver dato nuova linfa agli standard del jazz, ma anche di poter sapientemente rivisitare mostri sacri come Bach, Schumann e Schubert. Echi del romanticismo di questi ultimi si ritrovano già nella sua prima registrazione di pianoforte solo, Elegiac Cycle (1999), mentre nei primi anni del 2000 compone un ciclo di canzoni per il soprano statunitense Renée Fleming su commissione della prestigiosa Carnegie Hall. Le incursioni in territorio classico dell’artista non si fermano qui: nel 2012 debutta la sua composizione Variations for Piano and Orchestra on a Melancholy Theme, eseguita con l’Orpheus Chamber Orchestra, mentre nel 2015 le sue performance includono diversi brani dal Clavicembalo ben temperato di Bach accostati ai suoi Three Pieces After Bach, poi confluiti nell’album After Bach (2018). «Ho suonato Bach per molti anni, per la mia crescita e per il mio piacere», ha dichiarato riguardo al suo rapporto con il compositore, «la sua musica agisce sul nostro spirito, fa maturare la mente e risveglia i sensi». Preciso, appassionato e creativo, Mehldau è in grado di mettere a nudo l’anima di una composizione, in special modo quando è a tu per tu con il pubblico. Forte del suo grande senso melodico, è infatti dal vivo che Mehldau offre il meglio di sé, sperimentando, improvvisando e mettendo in gioco la sua formidabile tecnica.